Fragola

Home » Prodotti » Frutta » Fragola
Da: Frutta

fragolaStoria della fragola :

Considerata dal punto di vista nutrizionale un frutto, non lo è sotto l’aspetto botanico: i frutti veri e propri s’identificano nei cosiddetti “acheni”, ossia i semini gialli della superficie, e la parte del “falso frutto” non è altro che il ricettacolo ingrossato di un’infiorescenza.
Plinio ricordava che la fragola di bosco era chiamata “Fragaria vesca” per la sua consistenza molle. Nell’antica Roma veniva considerata afrodisiaca, e posta al centro della celebrazione in onore di Adone, perché identificava le lacrime versata da Venere sulla sua tomba.
Questo frutto durante il Medioevo, per forma e colore, cominciò ad essere chiamato “frutto cuore”, in quanto cibo capace di placare le passioni d’amore.
Nel ‘600 le fragole divennero la golosità prediletta sia di Shakespeare, le definiva “cibo da fate”, che del re Sole.
Sembra che alla corte del monarca francese i frutti di Venere fossero al centro di giochetti amorosi. La dama invitava il cavaliere al tenzone notturno mangiando lascivamente fragoline arricchite di zucchero e panna.

Come veniva coltivata…

Una prima rudimentale tecnica di coltivazione della pianta venne applicata dai giardinieri diLuigi XIV , i quali estirpavano dal bosco le varietà selvatiche per reimpiantarle nei giardini di Versailles. L’applicazione di questo metodo rimase inalterata fino all’inizio del Settecento, quando con l’arrivo di specie extra-europee si cominciò il ciclo completo della coltivazione.
Fu esattamente nel 1766 che in Francia, incrociando due specie selvatiche americane, nacque la fragola “grossa“.
In epoca contemporanea questi frutti sono adatti al convivio amoroso per il colore, la forma, la mollezza. Al fine di stimolare visioni eccitanti si consiglia di sposarli con panna o cioccolata.

Proprietà :

Vi segnaliamo inoltre che:
-fare il bagno nell’acqua dove è stata sciolta polpa di fragole, rende la pelle elastica e vellutata;
-applicare sulle scottature solari fragole schiacciate, aiuta a lenire il bruciore;
-sognare fragole significa un inaspettato guadagno o aiuto.
La fragola è molto utilizzata in pasticceria, ma dagli anni Ottanta, con la diffusione in Italia della Nouvelle Cuisine, che ha sconvolto i concetti tradizionali sulle associazioni aromatiche, questo frutto ha avuto una certa fortuna anche come componente del risotto e di una salsa in agrodolce creata per accompagnare grandi arrosti e piatti di carne.

La fragola possiede moltissime virtù salutari: innanzitutto ha un altissimo potere antiossidante che supera di 20 volte quello di altri alimenti e un ricco contenuto di vitamina C rispetto agli agrumi; ecco perché la fragola è ai primi posti nella speciale classifica stilata dall’USDA, dei cibi che mantengono giovani. Ma non è tutto: è anche ricchissima di calcio, ferro e magnesio ed è consigliata a chi soffre di reumatismi e malattie da raffreddamento. Inoltre è particolarmente indicata per combattere il colesterolo. L’acido salicilico in esse contenuto, oltre a risultare efficace contro la gotta, aiuta a mantenere sotto controllo la pressione e la fluidità del sangue. La fragola ha anche un alto contenuto di fosforo ed è utilizzata per le proprietà lassative, diuretiche e depurative. Le fragole sono anche rinfrescanti, diuretiche, depurative e disintossicanti. Contengono infine lo xilitolo, una sostanza dolce che previene la formazione della placca dentale e uccide i germi responsabili di un alito cattivo.

Ricette:

Cheese-cake alla fragola

Ingredienti

200 g di biscotti Oro Saiwa
150 g di burro
500 g di Philadelphia Classico
100 ml di panna fresca
100 g zucchero
2 uova intere
1 tuorlo d’uovo
succo di mezzo limone
1 bustina di vanillina
200 g di fragole
1 cucchiaio di zucchero a velo
100 g di frutti di bosco

Procedimento

Preparare la base della Cheesecake frullando i biscotti, aggiungendo il burro fuso e amalgamando per bene.

Stendere il composto in una tortiera (22-24 cm) imburrata e foderata con carta forno.

Pressare bene aiutandosi con il dorso di un cucchiaio e porre la base in frigorifero per 30 minuti.

Nel frattempo, versare in una ciotola le uova, lo zucchero, la vanillina e il succo di limone, sbattendo il tutto.

Unire sempre sbattendo anche Philadelphia e la panna fresca liquida.

Versare il composto sul fondo di biscotti e cuocere per un’ora a 180 °C in forno preriscaldato.

Preparare la salsa tagliando le fragole a pezzetti, cuocendole a fuoco basso assieme allo zucchero fino ad ammorbidirle.

A fine cottura lasciare raffreddare la torta, versare la gelé di fragole e guarnirla con i frutti di bosco.

Porre in frigorifero per almeno 4 ore.

Si può sostituire la panna con il latte, ma così è veramente buonissima!

Buon appetito!