Marroni del Frignano

Home » Prodotti » Frutta » Marroni del Frignano
Da: Frutta, Piatti tradizionali, Prodotti Tradizionali

I marroni, tipici dell’appennino modenese, si distinguono dalla castagna per gusto, forma e qualità della polpa.
Il gusto è molto più dolce, inoltre un riccio può racchiudere anche 2 o 3 frutti.
I marroni sono coltivati senza l’utilizzo di alcuna sostanza chimica. Sono ricchi di amidi, zuccheri complessi e sali minerali e sono indicati nelle diete di sportivi e giovani.

STORIA dei marroni :

marroniSin dal medioevo i marroni erano alla base dell’alimentazione dei popoli montani, tanto che questi popoli chiamavano il castagno “albero del pane”.
Grazie alla loro ricchezza e bontà, la consumazione dei marroni è rimasta una tradizione fino ad oggi.

USO IN CUCINA

marrons-glacesI marroni possono essere utilizzati in svariati modi: per gli antipasti, i primi, i secondi o i dolci. La facilità di conservazione di questo gustoso frutto fece sì che rimanesse un frutto molto utilizzato.
Il periodo dell’anno adatto per gustare i marroni è l’autunno, ma è possibile conservarli in modo totalemnte naturale fino a primavera: si immergono i marroni in acqua per qualche giorno e vengono poi fatti asciugare in locali areati.

Ricetta dei Marron glacè :

Ingredienti :

  • un chilo di grossi marroni,
  • 500 g di zucchero semolato
  • una stecca di vaniglia.

 

La preparazione :

Richiede quattro giorni, compresi i tempi di riposo.

Fase 1

La prima fase riguarda la pulizia delle castagne con l’incisione della buccia: incidete la superficie dei marroni praticando una croce su entrambi i lati, facendo molta attenzione a non intaccarne la polpa; il taglio deve riguardare soltanto la buccia e la pellicina sottostante. Portate ad ebollizione in una pentola abbondante acqua e tuffatevi i marroni pochi alla volta (regolatevi su una decina) per un minuto, poi sbucciateli non appena saranno non troppo bollenti da riuscire a tenerli in mano. Ricordatevi però che questa operazione va fatta quando sono caldi, motivo per cui dovete cuocerli in più riprese, altrimenti rischiate che alcuni diventino freddi e pelarli sarebbe difficoltoso.

Fase 2

La seconda fase è quella della cottura: mettete tutti i marroni sbucciati in un’ampia casseruola e aggiungete acqua fredda in modo da coprirli. Da quando l’acqua inizia a bollire, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per 12 minuti. Una volta cotti i marroni vanno scolati con cura usando un mestolo forato, anche se un’alternativa molto valida per non sciuparli è di farli cuocere dentro un cestello di quelli per la cottura a vapore, da sollevare pian piano trascorso il tempo necessario.

Fase 3

È arrivato il momento di preparare lo sciroppo: mettete in una pentola lo zucchero con 300 g di acqua e la stecca di vaniglia; fate bollire per 5 minuti senza mescolare. Incorporate i frutti con delicatezza dentro lo sciroppo, contate un minuto dalla ripresa del bollore, spegnete il fuoco, mettete il coperchio e lasciate riposare per 24 ore. Il giorno seguente portate nuovamente a bollore lo sciroppo contenente i marroni e, sempre mantenendo il fuoco basso, contate di nuovo un minuto dal bollore, poi spegnete, coprite e attendete altre 24 ore.

Fase 4

Il terzo giorno procedete nel medesimo modo. Trascorse altre 24 ore, eccovi al quarto e ultimo giorno di preparazione: scolate i marroni a uno a uno e poneteli ad asciugare su una griglia per dolci in un luogo asciutto (va benissimo il forno della cucina aperto e freddo) per almeno tre ore.

Trucchi e segreti
  • Se dopo averli lessati non riuscite a tirare via la pellicina dai frutti, potete tuffarli per qualche secondo in acqua bollente, ma non la stessa in cui li avete cotti precedentemente, perché rischiereste di “colorare” la polpa di marrone, a causa del tannino rilasciato dalla buccia.
  • Un altro passaggio molto importante riguarda la prima cottura dei marroni: per controllarla, trascorsi i 12 minuti, servitevi di un ago o di uno spiedino: deve entrare ed uscire dal frutto con facilità; se così non fosse proseguite la cottura per un minuto e controllate ancora, se non siete soddisfatti del risultato attendete ancora un ultimo minuto e ricontrollate la consistenza prima di spegnere la fiamma.
  • Presentate i marron glacé dentro i pirottini di carta, si mantengono in frigo per due settimane.
  • Se invece volete conservarli più a lungo, metteteli in vasi di vetro ricoperti con il loro sciroppo di zucchero, dureranno qualche mese.