Rapa

Home » Prodotti » Verdura » Rapa
Da: Verdura

rape La rapa nome scientifico “Brassica rapa”  appartiene alla famiglia delle “Brassicaceae”, è coltivata per poi raccogliere la sua radice che ha una forma tondeggiante alle volte tozza e coperta da una buccia rosso-violaceo (che bisogna togliere quando cotta perchè non è edibile), la polpa interna ha un colore che varia dal viola al bianco; il sapore della radice è abbastanza dolce e ha un consistenza spugnosa.

Storia della rapa:

Le rape hanno costituito per millenni una delle fonti di sopravvivenza per l’uomo che, scoperta la loro lunga capacità di conservazione, le accumulava per affrontare i duri mesi invernali.
In epoca romana Plinio elencava le rape fra gli alimenti base delle classi più misere, classificandole come terzo prodotto dell’agricoltura, dopo vino e frumento.
Ancora nel Duecento, Salimbene da Parma riferiva della grande importanza di questa pianta, inclusa dai “rustici” (villani) tra i “grani minuti”, assimilata nel valore ai cereali inferiori e ai legumi.
I medici antichi attribuivano alle rape anche il potere di stimolare Venere per la loro capacità di originare gli spiriti ventosi, e Galeno affermava addirittura che queste verdure generavano sperma.
Dal Quattrocento in poi, sulla scia dell’autorità di Galeno, diversi autori italiani classificavano come cibo afrodisiaco, seppure un pò indigesto e adatto a stomaci forti, rapa bollite o cotte sulla brace.
Anche il poeta Ariosto (XV sec.), non sappiamo se con intenti lussuriosi, consumava questa libagione, conosciuta come la “patata” dell’epoca, preferendola alle ricche portate di carni rinascimentali.
Nel XVII sec. a questo ortaggio dedicò diverse ricette il medico Massonio, che lo proponeva per stimolare l’appetito nell’insalata, per rinvigorire nel brodo grasso, per addolcire il palato assieme al miele.
Con il tempo sembra che le rape passarono di moda come afrodisiaco, soprattutto presso le classi più elevate, perché assunsero l’identità di alimento poco raffinato, non certo adatto ad un convivio amoroso.
Oggi in cucina si apprezzano particolarmente i germogli provvisti delle prime foglioline (cime di rapa o broccoletti di rapa), con i quali vengono conditi diversi tipi di pasta, rinomate le orecchiette.
Le rape vere e proprie sono radici ingrossate della “Brassica campestris” varietà rapa. Invece le cime di rapa identificano i racemi ancora non fioriti della “Brassica campestris” varietà cymosa.
Le rape da radice, dette anche rape bianche, crescono preferibilmente con il clima freddo del nord, mentre le cime di rapa si acclimatano meglio al tempo caldo del sud.

Varietà di rapa :rapa

Le varietà coltivate sono tantissime ma le più comuni sono :

  • Brassica rapa L. subspecie rapa : rapa comune è coltivata per la radice;
  • Brassica rapa L. subspecie sylvestris : è conosciuta comunemente come cima di rapa;
  • Brassica rapa L. subspecie campestris : ravizzone è una rapa dalla quale si ricava l’olio;
  • Brassica rapa L. subspecie septicesp.

Valori nutrizionali :

Le sostanze nutritive contenute nella rapa sono:

  • acqua (94%);rapa bianca
  • poche proteine (1%);
  • pochi zuccheri (4%);
  • ben rappresentate sono la vitamina C (antiossidante e rinforzante del sistema immunitario);
  • l’acido folico contenuto particolarmente nelle cime di rapa;
  • carotenoidi : vengono poi trasformati in vitamina A;
  • numerosi sali minerali come calcio, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, iodio; ferro e rame essenziali per dare energia al nostro organismo;
  • fibre alimentari (utili per la regolazione intestinale).

Le rape contengono composti solforati (molecole che nella loro struttura presentano zolfo) e azotati (molecole con la presenza di azoto tra i legami) che stimolano meccanismo antiossidanti e disintossicanti nell’organismo.

In cucina :

La rapa si può consumare cruda semplicemente grattugiandola insieme all’insalata, numerose però sono anche le ricette con questo ortaggio cotto.

Ricette :

RAPE AL FORNO

Ingredienti :

  • 12 rape
  • 1l di latte
  • Burro
  • Parmigiano grattugiato
  • Sale

Procedimento :

  • pulire le rape e creare, nel loro centro, una leggera infossatura in cui andrà inserito un pezzettino di burro;
  • adagiarle su di una pirofila, salare ed irrorare con il latte caldo;
  • coprire con carta stagnola e cuocetele per 30 minuti a 180 °C;
  • scoprirle, cospargerle di parmigiano ed infornare per altri 20-30 minuti.

PENNE ALLE RAPE

Ingredienti :

  • 500 g di rape
  • 350 g di penne
  • 2 spicchi d’aglio
  • Parmigiano grattugiato
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione :

  • lessare le rape in abbondante acqua salata;
  • far cuocere le penne nell’acqua di cottura delle rape;
  • scaldare l’aglio in 2 cucchiai di olio ed insaporire le rape tagliate a tocchetti;
  • scolare la pasta al dente e saltarla in padella con le rape;
  • servire con parmigiano grattugiato.