Spinaci

Home » Prodotti » Ortaggi » Spinaci
Da: Ortaggi

spinaciGli spinaci (Spinacia oleracea) sono piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Chenopodiaceae.

Deriva dall’Asia sudoccidentale e fu introdotto in Europa intorno all’anno 1000, nonostante abbia ottenuto importanza alimentare solo a partire dal XIX secolo. Della pianta vengono consumate le foglie spesse e verde.

Sebbene gli spinaci appartengano alla categoria degli ortaggi con il più elevato valore di ferro, è diffuso lo stereotipo che ne contengano un quantitativo molto alto tant’è che vengono consumati in alcuni casi di anemia. Sembra che questa credenza sia nata dopo un errore di battitura su un’etichetta; ciò avvenne prima della sua comparsa nel fumetto Braccio di Ferro.

 

Storia degli spinaci :

Gli spinaci sono un ortaggio dall’origine molto incerte, e sembra sia l’area persiana quella più accreditata. Anche sul nome le leggende si infittiscono: alcuni lo fanno derivare dall’italiano “spinace”, originato dal latino spina per il frutto spinoso, altri invece dall’arabo “aspanakh” passando per lo spagnolo “espinaca”. Misterioso anche l’arrivo in Europa, sembra siano stati gli arabi o i Crociati ad introdurlo verso l’anno Mille. Già all’inizio si riconoscevano a questo ortaggio particolari virtù. Secondo al-Arbuli, autore arabo del XIV sec. ca., lo spinacio aveva la capacità di calmare il ventre e combattere la tosse. Altri studiosi del tempo gli attribuivano sia qualità corroboranti per le gengive, che effetti lassativi ed emollienti: consigliando alle donne di lavarsi l’utero con l’acqua di cottura della verdura, poiché per i suoi effetti astringenti, impediva il flusso di umori.
Nonostante che Ibn al-Awwan, autore islamico del XII sec. di un trattato sull’agricoltura, lo qualificasse come pianta regina degli ortaggi per le virtù nutritive, lo spinacio non godeva di gran successo tra i gruppi privilegiati. Solo le classi subalterne lo utilizzavano con assiduità nelle minestre e nei minestroni.

Si racconta che Caterina de’ Medici, quando lascio’ Firenze per andare in sposa al futuro re di Francia, volle al seguito anche un cuoco che fosse in grado di cucinare gli spinaci, una delle sua verdure preferite. Da allora nella cucina classica francese, le preparazioni che richiedono un letto di spinaci sono chiamate per questo “a’ la florentine”.

Fu solo nel XIX secolo che questi ortaggi diventarono di grande consumo, prima in Europa e poi in America.
L’assunzione di spinaci è consigliata in tutte le diete ipocaloriche perchè contengono molta vitamina A e C, rame, fosforo, zinco, calcio, potassio. Tale composizione da agli spinaci un potere rimineralizzante, tonificante e cardiotonico. L’alta presenza di acido folico ne fa anche un alimento utile per dare vitalità’ al sistema immunitario.
Probabilmente, sono i 3 milligrammi di ferro contenuti in 100 grammi di verdura che hanno reso gli spinaci popolarissimi, anche se poi questo ferro, sotto forma di un sale, viene trattenuto e utilizzato dall’organismo solo in parte. Icona della forza data dagli spinaci sono le storie del personaggio di Popeye – Braccio di Ferro.

Ricerche scientifiche consigliano, per poter beneficiare al meglio delle proprietà’ salutari di questo ortaggio, di consumare come farcitura di un panino o una piadina gli spinaci crudi, conditi con olio e sale; lessandoli si perde una buona percentuale (circa il 50%) degli elementi utili all’organismo. Inoltre se vogliamo che il nostro organismo assimili il maggior quantitativo del ferro contenuto negli spinaci li dobbiamo condire con una spruzzata di limone.

Valori nutrizionali :

Per ogni 100 grammi di questo alimento abbiamo

  • Grassi 0,4 g
  • Acidi grassi saturi  0,1 g
  • Acidi grassi polinsaturi 0,2 g
  • Acidi grassi mono-insaturi 0 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio  79 mg
  • Potassio 558 mg
  • Carboidrati 3,6 g

Uso in cucina :pasta spianci

Pasta verde con spinaci :

Ingredienti :

  • 200 g farina;
  • 60 g (1 medio) di uova;
  • 60 g di spinaci;

Preparazione :

Cuocere gli spinaci : si consiglia la cottura a vapore, per evitare che gli ortaggi assorbano acqua in eccesso. Dopo averli cotti, gli spinaci vanno strizzati, dunque tritati molto finemente nel mixer, fino a ridurli in crema. A questo punto, versare la farina in una ciotola, aggiungere l’uovo e gli spinaci frullati: mescolare il tutto fino a formare un impasto liscio ed elastico. Si può poi stendere la pasta con il mattarello o con la macchinetta apposta e fare i formati desiderati (tagliatelle, maltagliati, lasagne ecc…)