Tarte tatin

Home » In Cucina » Cucine del Mondo » Tarte tatin
Da: Cucine del Mondo, Dolci, Frutta

La Tarte Tatin (torta tatin) è una torta originaria della francia,di mele capovolte dove le mele vengono caramellate in burro e zucchero prima della cottura della torta.

Storia della Tarte Tatin :

Secondo alcuni, questa ricetta sarebbe stata inventata nel centro della Francia, più specificamente nella regione di Lamotte-Beuvron, da due sorelle Stephanie e Caroline Tatin, le quali gestivano un ristorante (il ristorante esiste ancora sotto il nome di “hôtel-restaurant Tatin”). Una domenica mentre preparavano una semplice torta di mele, una delle sorelle dimenticò di porre la pasta brisé come base della torta,lasciando così che le mele si caramelizzassero nel burro e nello zucchero. Per cercare di rimediare all’errore, mise la pasta brisé sopra alle mele e poi capovolse il tutto in un piatto. Venne talmente apprezzata questa torta che divenne un vero e proprio piatto, chiamato Tarte Tatin.

Tarte tatin

Ricetta :

La preparazione è veramente semplice,veloce e con pochi ingredienti.

Ingredienti :

  • mele,
  • zucchero,
  • burro
  • pasta brisé

Preparazione :

Come prima cosa bisogna far caramellare le mele nello zucchero e nel burro, quindi porle in una teglia o in una pentola (la quale va prima imburrata e completamente coperta di zucchero) in modo ordinato, dopodichè cuocerle per almeno una quindicina di minuti, finchè non vediamo lo zucchero sciogliersi, il passo successivo è quello di coprire la parte superiore delle mele con la pasta brisé e mettere il composto in forno per almeno una ventina di minuti a 180°, circa. Una volta cotta si consiglia di lasciarla a riposo per farla intiepidire in modo tale che le mele non si stacchino quando si gira la torta.

Ovviamente esistono molte varianti di questa torta, non solo con le mele, ma con altri tipi di frutta come le pesce, albicocche o pere. Come uno preferisce insomma!

Ricetta per la Pasta Brisè :

  • 300 g di farina
  •  150 g di burro
  •  acqua fredda
  •  un pizzico di sale

Preparazione :

La pasta brisée, esattamente come la pasta frolla, può essere preparata a mano o, come indicato in questa ricetta, con il mixer. Un altro piccolo segreto per una perfetta riuscita dell’impasto è quello di lavorarlo il minimo possibile, evitando che il burro si riscaldi. Una volta stesa la sfoglia nello stampo, meglio farla riposare almeno 10 minuti in frigorifero prima di infornare a 180°.

Mettete il burro freddo a pezzetti nel mixer insieme alla farina, al sale e a due cucchiai di acqua fredda. Frullate a più riprese, fino a ottenere un impasto amalgamato. Formate una palla, chiudetela nella pellicola e lasciatela riposare in frigorifero per un’ora circa.

Per stendere la pasta più facilmente mettetela fra due fogli di carta da forno e appiattitela con il matterello, girandola più volte, fino ad arrivare a uno spessore di 3-4 millimetri. È una tecnica utile anche per la frolla.

Per cuocere la brisée o la frolla “in bianco” foderate gli stampi imburrati con la pasta già stesa, punzecchiatela con una forchetta, copritela con carta da forno, riempiteli di legumi secchi o con gli appositi pesini e ponete nella parte centrale del forno. Una volta freddi, eliminate dai gusci di pasta carta e pesini e farcite secondo quanto previsto dalla ricetta.

I bordi di crostate e tartelette possono essere decorati in modi molto diversi, come suggerisce la fantasia, magari con l’aiuto dell’apposita pinza. La cottura della brisée dipende poi dal tipo di ricetta. Cuocetela 40 minuti a 180° se vi metterete il ripieno di una torta rustica, 15-20 minuti se l’utilizzate per foderare stampini di barchette e tartelette.