Tigelle

Da: Piatti tradizionali, Prodotti Tradizionali, Voci da Compilare

indexLe tigelle (nome commerciale delle crescentine) sono piccoli dischi di “pane” lievitato, che si possono gustare ripieni del tradizionale “aglione” oppure accompagnate da salumi vari (tradizionalmente salumi di produzione emiliana. Cibo tradizionalmente da mangiare in compagnia, spesso completate da gnocco fritto.

 

storia

images3Le tigelle alle origini erano dischi di argilla purissima prelevata nei boschi di castagni a notevole profondità. L’argilla cosi raccolta era poi miscelata con una speciale pietra refrattaria e si amalgamava con acqua. I dischi cosi confezionati si tempravano “cuocendoli” nella cenere ardente. Le “crescentine” (in origine questo nome veniva usato solo per l’impasto) venivano impastate con: Farina di grano, acqua, latte e lievito (allora era bicarbonato). Si lasciavano lievitare e poi si lavorava l’impasto in modo tale da formare piccoli dischi schiacciati e rotondeggianti di 10, 15 cm. di diametro.

A questo punto con le “Tigelle” precedentemente scaldate nel fuoco del camino si cuoceva l’impasto. Si prendeva con apposita molla una “Tigella” ponendola in prossimità del focolare si metteva una “Crescentina” poi una o due foglie di castagno essiccate e tenute in dispensa, quindi un’altra “Tigella” fino a formare una pila

 

Era tradizione aspettare questa cottura davanti al focolare, mentre ci si raccontava storie di ambientazione contadina. Per questo le crescentine (o per metonimia tigelle) sono rimaste nella tradizione modenese un cibo che richiama alla mente il relax, i momenti spensierati con gli amici. Un momento gastronomico da gustare con estrema calma.

preparazioneindex1

 Si setaccia la farina, e nella fontana fatta con la farina si mette il lievito sciolto in poca acqua tiepida, si uniscono l’olio, il sale, il latte e l’acqua rimasta. Si Lavora l’impasto per qualche minuto, poi si copre con un panno pulito e si lascia lievitare per circa 1 ora in un ambiente tiepido Si lavora poi ancora un po e si fa lievitare per altri 30 min. Si stende la sfoglia dello spessore di circa 5 mm e si ritagliani dei dischetti del diametro di 6 cm che possono essere lievitati altri 30 minuti. I dischi vengono poi scaldati e cotti nell’apposita tigelliera che può essere a gas o elettrica, a seconda dell’uso.

valori nutrizionali

Valore energetico Kcal/100gr 332
Proteine 7,7
Carboidrati 43,9
Grassi totali 13,9
Acqua 29,5
Sali minerali 2,6
Fibre alimentari 0,2