aceto di meleL’aceto di mele si ottiene facendo fermentare il sidro, non il mosto attenzione, in botti di legno.

Una volta raggiunto un certo tasso di acidità lo si pone in bottiglia o lo si lascia stagionare ulteriormente come il vino.

L’aceto di mele è un prodotto che contiene l’estratto di buccia, polpa e torsolo non solo polpa perché la maggior parte delle sostanze benefiche è proprio negli scarti!

Storia dell’aceto di mele :

Ippocrate lo utilizzava con il miele per calmare la tosse. C’è da dire che fino ad allora era più conosciuto come condimento perché in effetti in Mesopotamia era già stato scoperto, stiamo parlando del 5000 a.C. Anche i cinesi scoprirono che l’aceto di mele era ottimo per la salute, nel 1200 a.C.

Dell’aceto si parla anche nel Vecchio e Nuovo Testamento, ricordiamo la spugna imbevuta data da bere a Gesù sulla croce, ma non ci è dato sapere se fosse di mele o di vino. Dai romani che lo usavano per neutralizzare le possibili malattie contenute nell’acqua, si passò ai conquistadores che se ne portavano intere botti dietro per combattere lo scorbuto ma anche perché ricco di oligoelementi e ottimo come rimedio veloce per quasi tutti i tipi di problemi, compresi pidocchi, indigestione e cattivi odori.

Ai tempi di Giovannino Semedimela, un personaggio delle leggende americane, l’aceto di mele era considerato un tonico (stiamo parlando del ‘700) ma era anche considerata una merce di scambio pregiata.

Proprietà nutrizionali :

Questo tipo di aceto contiene:

  • calcio
  • fosforo
  • zolfo
  • fluoro
  • silicio
  • ferro
  • rame
  • magnesio
  • potassio
  • sodio
  • vitamine A, B1, B2, B6, C, E
  • pectina
  • acido acetico
  • beta-carotene
  • acidi di frutta