Le aragoste vivono in mari ricchi di plancton e di alghe, un’alimentazione che porta a una polpa tenera e delicata del crostaceo (per esempio le migliori aragoste del Mediterraneo si pescano nei mari del Nord della Sardegna).
Viene commercializzata sia viva che congelata, ma, com’è noto, i migliori risultati si ottengono quando la si cucina intera, previa risciacquatura sotto acqua corrente, mettendola ancora viva in una pentola con acqua bollente.

 

Usi in cucina delle aragoste

A seconda delle dimensioni, il tempo di bollitura varia dai 10 ai 15 minuti circa.
Ha una carne delicatissima e dolce che può venire consumata in vari modi: bollita o al naturale, preferibilmente condita con succo di limone e/o con aceto.