colla di pesceLa colla di pesce è utilizzata in cucina come addensate sopratutto per la preparazione di dolci; si presenta come un foglio di gelatina trasparente; è inodore e insapore. Quando questi fogli sono posti in acqua si rigonfiano e aumentano di volume.

Nelle etichette dei prodotti alimentari spesso viene denominata con la sigla : E441.

Origine della colla di pesce :

Il nome nasce dalla procedura di produzione originaria della Russia, dove viene prodotta partendo dalla vescica natatoria dello storione e/o pesci affini e dalla cartilagine di pesce; conosciuta anche come “ittiocolla” viene fatta essiccare al sole, ma è poco usata in commercio. Essendo questa costituita in maggior parte da tessuto connettivale e quindi da collagene possiamo considerarla una fonte proteica, ma il valore biologico del tessuto connettivale è del tutto simile a quello della matrice ossea, quindi molto basso.

Oggi sul mercato :

sono presenti principalmente gelatine,chiamate erroneamente colla di pesce, prodotte prevalentemente utilizzando la cotenna del maiale insieme a ossa e cartilagini anche di origine bovina. L’80% della gelatina alimentare di origine animale prodotta in Europa è derivata dalla cotenna del maiale. Il 15% viene ricavato dal bifido bovino, cioè da uno strato sottile presente sotto la pelle. Il rimanente 5% viene ricavato quasi tutto da ossa di maiali e bovini.

Alternative vegetariane alla colla di pesce sono rappresentate dall’agar-agar e dalla pectina.