Cumino

 

Il cumino è una pianta appartenente alla famiglia delle Umbelliferae tipica dell’Asia sudorientale e dell’Africa settentrionale, cresce prevalentemente nelle pianure e in aree ben drenate e soleggiate; il suo nome d’origine è “Jeera”.
Pianta annuale, con foglie fragranti, simili a fili, ombrelle di piccoli fiori estivi bianchi o rosa e semi aromatici con setole sottili.

 

Storia del Cumino :

La storia del cumino risale almeno al secondo millennio avanti Cristo. Questa data è stata stimata grazie ai semi ritrovati nel sito siriano di Tell ed-Der. Questa spezia era usata molto anche nell’antica Roma e in Grecia, in cui veniva spesso usata e tenuta in un contenitore a pare (come noi facciamo con il pepe) questa usanza rimane tutt’oggi in Marocco. In Europa l’utilizzo di questa pianta divenne sempre meno frequente; venne introdotta nel continenete Americano dai coloni spagnoli.

Usi in cucina :

Il seme dal sapore intenso è un ingrediente essenziale di molte miscele di spezie: dal baharat arabo, alla polvere per curry indiana, all’impasto del curry rosso tailandese e per condire il Cajun. Il seme del cumino nero è raro e viene impiegato nella cucina mongola. In Europa il cumino aromatizza sottaceti, liquori e cordiali.

Altri usi :

I semi facilitano la digestione, alleviano la flatulenza, coliche e diarrea e agiscono come tonico stimolante. L’olio essenziale esalta le essenze di fiori. E’ eccellente per la cellulite ed è incluso in alcune medicine veterinarie.