soncinoValerianella locusta (L.) Laterr. facente parte della famiglia delle Valerianaceae

Nome comune

Soncino, valerianella, dolcetta, songino, gallinella, lattughella

Storia

Il Soncino è un ortaggio di cui si utilizzano le foglie fresche in insalata; è conosciuta anche con il nome volgare di Dolcetta, Gallinella, Lattughella ed è specie spontanea dei prati della pianura padana la cui coltivazione si è diffusa progressivamente con la crescita della industria delle verdure di quarta gamma. Tipologie affini sono coltivate in Francia dove rappresentano una produzione orticola di pregio, nota come “Mache”.

Le diverse varietà e stagioni

Mentre tradizionalmente la specie veniva raccolta solo nei mesi più freddi, oggi è possibile avere il prodotto fresco 12 mesi all’anno, anche se la produzione rimane concentrata tra l’autunno e l’inverno.

Ad oggi la produzione si concentra fra Lombardia e Campania. E’ una pianta erbacea a ciclo annuale o biennale a seconda del periodo di semina, il ciclo colturale per la produzione di insalata è comunque molto breve. La raccolta si ha al Nord-Italia da Marzo a Dicembre al Sud da Ottobre ad Aprile. E’ praticamente sempre coltivato in coltura protetta (tunnels freddi).

Sono diffuse in coltura due cultivar di soncino, una con seme grosso e foglie più allungate denominata “D’Olanda a seme grosso” (detta anche “D’Olanda”, “di Piemonte”, “Dolcetta a cuore pieno”), l’altra a seme più piccolo è denominata “Verde cuore pieno” (denominata anche “Cuore pieno seme piccolo”).

La produzione viene destinata al mercato del prodotto fresco, ma negli ultimi anni si è fortemente sviluppata la destinazione alla IV Gamma.

Valori nutrizionali (per 100 g)

	Cruda*	DGR**
		
Energia	19 kcal	
Proteine	2 g	
Glucidi	2 g	
Lipidi	0,4 g	
Fibre	1,7 g	30 g
Sodio	4 mg	
Potassio	459 mg	2 000 mg
Ferro	2,2 mg	14 mg
Pro-Vitamina A	4 250 µg	4 800 µg
Vitamina C	38 mg	80 mg
Vitamina B6	0,27 mg	1,4 mg
Vitamina B9	160 µg	200 µg
* Ciqual 1995 ** Dose Giornaliera Raccomandata

Il parere del Nutrizionista

Il soncino è molto ricco di acqua e, come tutte le insalate e le verdure a foglia, ha una capacità nutrizionale eccellente. È molto ricco in provitamina A (100 g bastano a fare fronte a quasi tutte le necessità quotidiane), di vitamina B9 e C.

Inoltre, il soncino è in grado di apportare all’organismo una quantità non trascurabile di calcio e fosforo.

Porzioni

• per un bambino: un pugno • per un adulto: due pugni

Curiosità

Il soncino e’ ricco di importanti sostanze nutritive come clorofilla, mucillagine, sali minerali, vitamine A, B e C. Si tratta inoltre di un alimento dalle proprietà rivitalizzanti, emolliente, lassativo, diuretico e depurativo.

Suggerimenti in cucina

• Insalata di barbabietola, soncino e uovo sodo. L’insieme di questi ingredienti dà vita ad un vero e proprio successo gustativo, che unisce il sapore fresco e dolce del soncino, alla gradevolezza della barbabietola e dell’uovo, il tutto controbilanciato dalla punta d’acidità dell’aceto. Si tratta di un simpatico accostamento che apporta all’organismo: vitamine, fibre, proteine e minerali.

• Vellutata di soncino: uno strato di foglie di soncino sul quale adagiare qualche patata schiacciata e una punta di yogurt magro. Il risultato è una vellutata estremamente dolce e tenera che, accompagnata da crostini di pane, garantisce un pasto rigenerante e ricco di vitamine.