spritzLo spritz è un aperitivo molto diffuso a base di vino bianco, acqua o selz e, a seconda delle numerosi varianti cittadine, altri alcolici, generalmente di colore rosso. La ricetta non è univoca. Città in cui vai, spritz che trovi. A Modena lo spritz-brusco è preparato con il lambrusco.

Storia dello spritz

Le origini di questa bevanda sono ignote, ma sembra che siano stati i soldati dell’impero austroungarico di stanza nella Repubblica Serenissima a decretarne la nascita. Si dice infatti che questi allungassero i vini veneti con del seltz per diminuirne la gradazione alcolica. La diffusione della bevanda anche in Ungheria, Slovacchia, Slovenia, Croazia e Romania, ovvero in territori dell’ex monarchia austroungarica, e il suo stesso nome, che dovrebbe derivare dal verbo tedesco spritzen, spruzzare, dal gesto di allungare il vino con l’acqua, sembrano avvalorare quest’ipotesi.

spritz

Preparazione

Questo aperitivo alcolico si compone di vino bianco, generalmente prosecco, acqua gassata o seltz, scorza di arancia, ghiaccio e, a seconda dei gusti, Campari, Cynar, Aperol o Select che ne determinano la tipica colorazione rossa.

 

Varietà

Ormai lo spritz l’abbiamo visto declinato in ogni sua possibile combinazione di gusto e colore, con l’aggiunta di alcolici di colore rosso come l’Aperol, il Campari, Bitter o di colore nero come la China Martini e il Cynar.

 

Curiosità

A Venezia, ma anche in tutto il Veneto, lo Spritz è un rituale irrinunciabile ed è spesso accompagnato da cicheti, gli stuzzichini veneziani.