Vino al calice : cambia la modalità di bere vino e si afferma un nuovo stile di consumo: il vino al calice. Grazie all’evoluzione della tecnologia che oggi permette di conservare per giorni le bottiglie stappate mantenendo inalterate le caratteristiche organolettiche del vino, questa modalità di consumo sta facendo registrare un’affermazione sempre maggiore sia nel settore della mescita e della degustazione che in quello della ristorazione. La vendita del vino al calice rende indubbiamente accessibili in termini di prezzo anche le etichette più pregiate, spesso troppo costose per molti, oltre a consentire una maggior possibilità di scelta sia nelle degustazioni che negli abbinamenti con le diverse portate all’interno di uno stesso pasto. Si assiste dunque all’affermarsi di una modalità di consumo del vino che privilegia la qualità rispetto alla quantità. E proprio sulla quantità le cifre non lasciano margine al dubbio: in Italia si beve meno e si beve meno anche in Francia e in Spagna, gli altri due “storici” paesi produttori del nettare di Bacco.